MXGP, Desalle zar di Russia. Per Cairoli un buon quinto posto

Affacciato sul Mar Nero, per la prima volta si è disputato il Gran Premio di Orlyonok, in Russia, decima tappa del mondiale di motocross. A spuntarla dal fango è stato Clement Desalle che bissa il successo di due settimane fa in Francia.

Un forte acquazzone ha rovinato i pronostici per le manche di domenica, con la pista al limite delle possibilità e con il fango a renderla quasi impraticabile. In Gara1, Antonio Cairoli, che nel sabato in qualifica aveva concluso terzo registrando però il giro più veloce, è riuscito a partire al comando, ma dopo alcuni giri ha ceduto la posizione al compagno di squadra Herlings.

In Gara2, il pantano ha complicato i piani di tutti i piloti, ma è ancora il belga a tirar fuori il coniglio dal cilindro chiudendo in prima posizione, anche con un pizzico di fortuna: Romaina Febvre che era in testa a due giri dal termine, è caduto in un tentativo di doppiaggio. Tony Cairoli, invece, a causa di una partenza non buona ha chiuso in nona posizione, limitando i danni.

Nel complesso, quinta piazza per lui, e solo tre punti persi in classifica generale: l’italiano, infatti, è ancora al vertice con 381 punti, dietro di lui Clement Desalle a 334 punti, si è issato in seconda posizione, mentre il terzo è Gautier Paulin con 333 punti. Ecco le parole del siciliano:

Tutto sommato è stato un buon fine settimana, mi ero preparato per affrontare una pista del genere, anche in queste condizioni ma la sfortuna ci ha messo del suo. In condizioni normali, era andato tutto bene, ma questa mattina ero un po’ preoccupato per la pioggia che cadeva abbondante, perché col fango fatico sempre un po’. Non sono completamente a mio agio quando devo mettere a terra la gamba sinistra, a causa dell’infortunio subito qualche anno fa al ginocchio e quando la moto diventa pesante è ancora peggio, così devo fare attenzione a non forzare

Adesso è tempo di fare rientro in Italia dove tra due settimane si disputerà il Fiat Professional fullback MXGP of Lombardia nella pista di Ottobiano, in provincia di Pavia.

Foto di Michele Torresan  

About Giovanni Sgobba

Giornalista professionista, cura “Curiosità sportive”, rubrica-memorabilia di aneddoti, storie e miti legati allo sport, riavvolgendo le lancette del tempo perché il suo cuore è ancora fermo sulla traversa dove si è stampato il rigore tirato da Di Biagio nel Mondiale del ’98.

Commenti

commenti