oriali

Italia Under 21, Oriali: “E’ una Nazionale con il mio carattere”

Giornata di vigilia per la Nazionale Under 21, che domani a Cracovia (ore 21 – diretta su Rai 1) affronterà la Spagna nella semifinale del Campionato Europeo. Alle 17 gli Azzurrini sosterranno l’allenamento di rifinitura sul terreno di gioco dello stadio del ‘Wisla Cracovia’ e alle 19.30 Luigi Di Biagio incontrerà i giornalisti in conferenza stampa.

Conquistato il pass per la semifinale grazie al successo sulla Germania, l’Under 21 dovrà vedersela adesso con la grande favorita di questo Europeo: la Spagna è stata infatti l’unica nazionale capace di vincere tutti e tre i match del girone e nell’ultima gara con la Serbia, con la qualificazione già in tasca, il Ct Albert Celades si è potuto concedere il lusso di far riposare tutti i suoi big, lasciando in panchina i vari Asensio, Saul, Bellerin e Deulofeu.

italia

A causa del passo falso con la Repubblica Ceca, l’Italia ha invece dovuto sudarsi la qualificazione fino all’ultimo e le ammonizioni rimediate da Conti e Berardi nella sfida con i tedeschi costringeranno i due Azzurrini ad assistere dalla tribuna alla sfida con la Spagna.

“Incontriamo una squadra che a detta di tutti è la favorita del torneo – conferma il capo delegazione Gabriele Oriali al microfono di ‘Radio Anch’io Sport’ su RadioUno – che nel girone ha vinto tre partite su tre e che ha segnato nove gol subendone solo uno. Hanno fatto riposare giocatori importanti e hanno avuto un giorno di riposo in più. Ma noi siamo pronti al sacrificio e nel calcio tutto è possibile, lo abbiamo visto l’altra sera vincendo una gara sulla carta proibitiva e grazie al capolavoro tattico del nostro allenatore siamo riusciti a mettere in difficoltà una grande squadra come la Germania”.

europeo under 21

Gli ultimi confronti tra le due nazionali più titolate d’Europa a livello di Under 21 (5 tornei continentali vinti dagli Azzurrini, 4 dagli spagnoli) hanno visto prevalere la ‘Rojita’, che nel 2013 si impose per 4-2 nella finale dell’Europeo di Israele e tre mesi fa a Roma ha battuto 2-1 in amichevole la squadra di Di Biagio: “Nei momenti difficili – sottolinea Oriali – viene fuori il carattere, la determinazione dell’italiano, che quando indossa la maglia della Nazionale si trasforma e diventa invincibile. Spero che possa succedere di nuovo domani”.

Anche un anno fa in Francia la Nazionale Maggiore sembrava destinata al ruolo di vittima sacrificale con la Spagna, ma a Saint-Denis i gol di Chiellini e Pellé regalarono all’Italia la qualificazione ai quarti di finale. Se lo ricorda bene Oriali, Team Manager di una Nazionale capace di entrare nei cuori dei tifosi:

“Mi sembra di rivivere quello che è successo agli Europei. Non eravamo partiti con i favori del pronostico e c’era molto scetticismo attorno a noi, ma partita dopo partita abbiamo ricreato entusiasmo anche in patria. Sta succedendo ora anche qui ed è una cosa che ci fa piacere e onore”.

Fiducioso nei mezzi di un gruppo unito e ricco di talento (“da molto non succedeva di avere una Under 21 così competitiva, con giocatori titolari nei loro club e che hanno già provato l’emozione di indossare la maglia azzurra nella Nazionale maggiore”), Oriali ammette di rivedersi in capitan Benassi (“fa un lavoro sporco, di cuore”) e spende parole d’elogio nei confronti del Ct Luigi Di Biagio:

“E’ un allenatore che farà strada. Fa tutto con passione, prepara le partite curando i minimi particolari, ha un ottimo rapporto con tutti i ragazzi perché parla la loro stessa lingua. Qui mi sono sentito accettato da tutti sin da subito. Mi sono sentito parte integrante del gruppo e con questi ragazzi sto vivendo emozioni impagabili”.

Commenti

commenti