cabrini

Cabrini: “Con la Russia una sfida già decisiva”

Ultima seduta di allenamento nel pomeriggio a Coverciano per la Nazionale Femminile, che domani volerà in Olanda e lunedì (ore 18) farà il suo esordio nel Campionato Europeo affrontando la Russia allo ‘Sparta Stadium’ di Rotterdam.

Venerdì 21 (ore 20.45) le Azzurre se la vedranno con la Germania allo stadio ‘Willem II’ di Tilburg, mentre martedì 25 luglio (ore 20.45) allo stadio ‘Vijverberg’ di Doetinchem è in programma il terzo e ultimo match del girone con la Svezia. Tutte le gare delle Nazionale saranno trasmesse in diretta sui canali Eurosport e su Nuvola 61 (canale 61 del digitale terrestre) e in differita su Rai Sport+HD.

 

Si conclude così il lungo cammino di avvicinamento all’Europeo, quattro settimane di intenso lavoro atletico per presentarsi nelle migliori condizioni possibili all’appuntamento più importante degli ultimi anni:

il ct cabrini

“È stato un mese duro – conferma il Commissario Tecnico Antonio Cabrini – al termine di una stagione impegnativa soprattutto per le ragazze che hanno disputato la finale di Coppa Italia e che ci hanno raggiunto in ritiro dopo essersi riposate soltanto dieci giorni. Il gruppo si è allenato sempre con la massima attenzione, dimostrando di avere una costante voglia di crescere e il lavoro non ha risentito nemmeno delle alte temperature di Coverciano. Un mese è un periodo di tempo lungo, che permette di agire su tutti gli aspetti che fanno parte dell’interpretazione del calcio e, oltre al lavoro atletico, abbiamo potuto approfondire anche le tematiche tattiche”.

L’avventura della Nazionale Femminile partirà lunedì da Rotterdam, in un match già decisivo per il passaggio del turno:

“Con la Russia – ricorda Cabrini – abbiamo giocato sette mesi fa a Manaus, in Brasile: allora vincemmo 3-0, ma è fondamentale non soffermarci su quel risultato. Non dobbiamo pensare che sia facile. Il girone è davvero impegnativo e ce la andremo a giocare anche con le due finaliste degli ultimi Giochi Olimpici, Germania e Svezia. In un raggruppamento a quattro squadre, dove ai quarti di finale accedono le prime due, ogni partita sarà decisiva”.

Commenti

commenti