Sagan, il mondiale è ancora tuo

Peter Sagan ha vinto il Mondiale in linea per il secondo anno consecutivo con una volata da perfetto finisseur, mettendosi dietro Cavendish e Boonen e confermando che è l’uomo più forte nelle classiche di un giorno.

la gara

La gara, 257,5km di strada con 7 giri di un circuito di 15,2km nel finale, è stata animata da una fuga, quella decisiva, attivatasi a 180km dalla conclusione. I corridori, in poco tempo, hanno raggiunto i fuggitivi partiti nella prima parte della gara e capaci di raggiungere gli 11′ di vantaggio. L’aumento del ritmo ha causato, insieme al vento, lo spezzettamento del plotone e davanti si sono ritrovati in una trentina di atleti che in poco tempo hanno preso il comando della gara. T

i mondiali azzurri

Si concludono, con questo quinto posto, i Mondiali di Doha dai quali il ciclismo azzurro torna con 3 medaglie1 oro1 argento e 1 bronzo, frutto del fantastico gruppo delle donne juniores e degli U23. Sono, dal punto di vista statistico, diversi i motivi per sorridere. Prima di tutto perché riconquistiamo un titolo mondiale su strada che ci mancava dal 2011. Poi perché possiamo goderci un gruppo di ragazzi (uomini e donne) che sono possono rappresentare nel modo migliore i nostri colori per tanti anni in futuro. A cominciare dai talenti cristallini di Elisa Balsamo e Filippo Ganna.

Comments

comments