Parigi-Roubaix

Parigi-Roubaix: successo per il belga Van Avermaet

Greg Van Avermaet (Bmc) ha vinto la 115/a Parigi-Roubaix, la classica del nord disputata su un tracciato lungo 257 chilometri, con partenza da Compiègne e arrivo sulla pista del velodromo André Pétrieux, a Roubaix. Per il belga, olimpionico su strada a Rio, si tratta del primo successo nella classica monumento francese.

Quinto l’Italiano Gianni Moscon (Team Sky). Il belga Van Avermaet ha battuto allo sprint quattro corridori, compreso il trentino Moscon, Alle spalle del vincitore si sono piazzati il ceco Zdenek Stybar (Quickstep-Floors), secondo; l’olandese Sebastian Langeveld (Cannondale-Drapac), terzo; il belga Jasper Stuyven (Trek-Segafredo), quarto. Poi, l’italiano Gianni Moscon che, a un certo punto, ha pure provato a fare lo sprint, ma è stato superato a tutta dal vincitore, piazzandosi al quinto posto.

Van Avermaet

“Da tempo andavo a caccia della vittoria in questa corsa, pensavo che la ‘Roubaix’ fosse una sfida impossibile da vincere per me. Francamente pensavo peggio, invece sono riuscito a impormi. Non è stato facile solo perché, a un certo punto, nei pressi della foresta di Aremberg, sono stato costretto a scendere dalla bici e a cambiarla. Ho inseguito e, alla fine, sono riuscito a prendere in mano la corsa”.

La gara è entrata nel vivo a un centinaio di km dal traguardo, molto prima della foresta di Arenberg. Van Avermaet ha temuto il peggio, cadendo, e la Quickstep-Floors di Tom Boonen ha provato l’allungo. Il 36enne belga ha provato e riprovato a staccare tutti, ma non c’è stato nulla da fare. Il quattro volte vincitore della classica monumento delle pietre cercava la cinquina, per chiudere proprio ieri una carriera inimitabile.

Comments

comments