Chi riuscirà a impressionare Pirlo? Ci provano gli Harlem Globetrotters

Sul rettangolo verde, l’abbiamo visto cedere alle emozioni solo durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa del Mondo del 2006 o quando ha alzato la Champions League nel 2007 con il Milan. Lontano dalle telecamere (ma che sono riuscite comunque a intrufolarsi) ha pianto anche quando ha salutato gli stessi compagni rossoneri prima della nuova vincente avventura alla Juventus.
Andrea Pirlo è glaciale, certe volte abulico, impassibile. Come se mentalmente fosse altrove. Apparentemente, sia ben chiaro. Potremmo elencare una sfilza di aggettivi sinonimi e avremmo sempre in mente la sua faccia barbuta: freddo, distaccato, indifferente, disinteressato, insensibile, sereno, tranquillo, fermo, saldo, imperterrito, imperturbabile.

E proprio ironizzando sul suo essere anaffettivo, il New York City Fc, suo attuale club che milita in Mls, ha realizzato un video davvero simpatico. E’ diventata quasi una sfida, chi riuscirà a impressionare Andrea Pirlo? Ci hanno provato due funambolici cestisti degli Harlem Globetrotters che, nei loro spettacoli, sapientemente mixano basket e tanta comicità.
In grado di fare numeri e tricks notevoli con la palla, saranno riusciti a strappare almeno un sorriso o a muovere una ruga sul viso di pietra del centrocampista nato a Flero? Scopriamolo assieme…

About Giovanni Sgobba

Giornalista professionista, cura “Curiosità sportive”, rubrica-memorabilia di aneddoti, storie e miti legati allo sport, riavvolgendo le lancette del tempo perché il suo cuore è ancora fermo sulla traversa dove si è stampato il rigore tirato da Di Biagio nel Mondiale del ’98.

Commenti

commenti