Le ragazze del Setterosa di pallanuoto salvano dei bagnanti in difficoltà

E’ finita con un sospiro di sollievo, tanta paura e tanti applausi. Ma che spavento per alcuni ragazzi che se ne sono infischiati del divieto di balneazione e delle acque agitate, tuffandosi e andando a largo. Salvo poi trovarsi in difficoltà.
Per loro fortuna, oltre ai bagnini, c’erano tre ragazze che nell’acqua ci vivono e ci passano la maggior parte delle ore della loro giornata: Elisa Queirolo, Rosaria Aiello e Aleksandra Cotti, tre azzurre del Setterosa di pallanuoto.

Le ragazze erano sulla spiaggia di Borgo Marina di Porto Maurizio, vicino a Imperia in Liguria, per un meritato risposo pomeridiano dopo la vittoria in amichevole del Setterosa contro la Grecia per 11-10.
Nonostante le bandiere rosse issate, alcuni ragazzi stranieri si sono tuffati ugualmente, ma le onde minacciose e grosse li hanno spinti mettendoli in difficoltà. Così le tre ragazze, assieme ai bagnini della spiaggia, capito il pericolo si sono tuffate per riportare tutti a riva, sollecitate anche da un luogotenente della Capitaneria di porto.

Al di là della tensione di quei momenti, è stato emozionante rendersi utili in questo modo e la cosa più  bella è il ringraziamento del ragazzo straniero che mi ha abbracciato piangendo spaventato per l’accaduto

E’ il commento di Queirolo, capitano della Nazionale di pallanuoto e vincitrice del campionato italiano col Plebiscito Padova. Il Setterosa di Fabio Conti resterà in Liguria per poi trasferirsi a Siracusa e quindi dal 30 parteciperà a un torneo a Bilbao, in Spagna. Obiettivo: preparare al meglio i Mondiali di Budapest.

About Giovanni Sgobba

Giornalista professionista, cura “Curiosità sportive”, rubrica-memorabilia di aneddoti, storie e miti legati allo sport, riavvolgendo le lancette del tempo perché il suo cuore è ancora fermo sulla traversa dove si è stampato il rigore tirato da Di Biagio nel Mondiale del ’98.

Commenti

commenti