raikkonen

Raikkonen: “Aiuterò Vettel se sarà necessario”

Kimi Raikkonen ha ottenuto la pole position a Monte Carlo, ma non ritiene che questo possa dare la certezza di ripetere lo stesso risultato nelle qualifiche del Gran Premio dell’Azerbaijan.

“Non ci sono garanzie rispetto al passato, anche perché è un circuito diverso. cittadino sì, ma non è assolutamente simile a Monaco.”Ciò nonostante la nostra monoposto si è dimostrata competitiva ovunque e quindi vediamo come riusciremo a performare in questo weekend. Noi da parte nostra faremo di tutto per essere davanti”

Sui suoi risultati poco fortunati rispetto al compagno di team che invece è in testa al mondiale piloti, dice:

“Non abbiamo avuto buona fortuna per diverse volte, ma gli episodi sfortunati possono accadere e non dipende dalla nostra volontà. Nell’ultima gara per fortuna siamo riuscisti a concluderla e arrivare a punti. Non è la soluzione ideale ma è andata così”.

raikkonen e vettel

Quindi alla domanda se è già tempo per lui di correre per aiutare il tedesco nella corsa al titolo iridato, ricorda:

“Credo che le regole all’interno del team siamo molto chiare. Viene consentito di correre ma poi dobbiamo fare quello che ci chiede il team. Da parte mia non c’è nessun interesse di parlarene qui. Maurizio (Arrivabene, ndr) ci ha detto che nulla è cambiato. Poi le cose possono variare quando non avrò più la possibilità matematica di lottare per il mondiale aiuterò il mio compagno: è una decisione semplice. Ma per il nostro team è importante fare in modo di essere entrambe davanti come Ferrari. Poi se Seb può vincere e io no, farò di tutto per aiutarlo, ma la prima cosa è correre per la Ferrari e fare il meglio per il team” ribadisce Raikkonen. “Quando hai un avvio non proprio positivo e poi hai fatto delle buone gare mentre il tuo compagno è stato forte ovunque e va sul podio ovunque, ovviamente il margine si allarga, ma queste sono le gare”.

Commenti

commenti