Gp degli Stati Uniti

Gp degli Stati Uniti, vince Hamilton, Ferrari sul podio

Al Gp degli Stati Uniti Lewis Hamilton infila la nona vittoria stagionale e vede sempre più vicino il suo quarto titolo iridato.  Con Sebastian Vettel al secondo posto, infatti, ha portato a 66 i punti di vantaggio sul tedesco della Ferrari e domenica prossima, se il suo avversario a Città del Messico non riuscirà a rosicchiargli 17 punti, si metterà al collo il quarto alloro iridato.

Il portacolori della Mercedes è sempre stato padrone della corsa, tranne che per i primi sei giri, quando si è fatto sorprendere da una partenza perfetta di Sebastian Vettel che, approfittando anche della carreggiata molto larga della pista di Austin, gli è passato davanti alla prima staccata. Ma il ferrarista non è riuscito a staccarlo e, quando è stato possibile utilizzare l’ala mobile, alla prima occasione, al sesto giro, si è visto sfrecciare davanti il suo avversario che poteva contare su almeno 20 km/h di velocità in più.

Il pilota tedesco ha provato allora a giocare la carta del pit stop anticipato al 17° giro, montando le gomme dalla mescola più dura a disposizione, le Pirelli Soft e per poco la strategia del muretto box in rosso non ha pagato. In casa Mercedes, infatti, si è deciso di far rientrare ai box prima Bottas e così, quando è stato chiamato dentro Hamilton, al suo rientro in pista si è ritrovato dietro la Ferrari numero 5 che prima era a 6″. Un piccolo errore di guida di qualche curva prima di Seb gli ha fatto perdere quei decimi che forse gli avrebbero permesso di riprendersi la prima posizione. La superiorità della W08, però, ha permesso al leader del mondiale di allungare; mentre il tedesco doveva tenere d’occhio il tentativo di rifarsi sotto di Bottas.

lewis hamilton

 

”E’ stata una delle gare più divertenti dell’anno”: Lewis Hamilton commenta così, in conferenza stampa la sua vittoria nel gran premio degli Stati Uniti. ”Ho preso la gara con tranquillità – ha aggiunto il britannico – sapevo che potevo superare. Mi ha ricordato la gara del 2012, sono partito male al contrario di Sebastian. Sono riuscito a superarlo alla curva 12, sono questi i momenti per cui vivo. Pensavo che Vettel si difendesse di più, io lo avrei fatto…Nel complesso credo che la vittoria sia stata straordinaria, mi sono divertito molto grazie anche al vento – ha concluso – La macchina è stata fantastica, sembrava di stare nella galleria del vento. E’ stato un fine settimana incredibile”.

 

Commenti

commenti