gp di germania

Gp di Germania, Rossi: “Assen gara incredibile, restiamo competitivi”

Domenica scatta la nona gara del Mondiale, dall’Olanda al Gp di Germania, Rossi è pronto a ripartire:

“Sono molto contento, perchè la gara ad Assen è stata incredibile. Sono tornato davanti e sono riuscito a vincere; questa è una cosa molto importante non solo perchè le emozioni del successo sono stupende, ma anche perchè ho fatto un buon progresso in campionato”.

“Non so cosa aspettarmi. Abbiamo già visto che da un fine settimana all’altro tutto può cambiare, quindi dovremo lavorare per trovare le soluzioni ottimali. Mi piace il GP tedesco, il tracciato è particolare e tanto diverso da quello di Assen. Sarà fondamentale essere competitivi anche lì, faremo del nostro meglio”.

Al Sachsenring, Rossi ha vinto per quattro volte in MotoGP: nel 2002, 2005, 2006 e nel 2009, anno dell’ultimo successo della moto di Iwata sul tracciato tedesco.

Vinales: tornare a vincere

Deve riscattarsi dopo la caduta dio Assen il compagno di squadra di Rossi, Vinales, che ha perso la vetta del Mondiale: “Arrivo ad Assen con una mentalità positiva, devo sempre tenere presente che anche dopo la scivolata sono a soli 4 punti dal leader in campionato, Dovizioso. Devo imparare dagli errori e non ripeterli, ora voglio solo guardare avanti”. “L’obiettivo è quello di vincere, non solo salire sul podio. Siamo concentrati per recuperare la testa della classifica”.

ANDREA DOVIZIOSO: restare in vetta

“Il Sachsenring è l’ultima gara prima del break estivo: sarebbe bello restare in vetta alla classifica mondiale prima di andare in vacanza. Sappiamo però che è difficile: diversi piloti qui possono fare la differenza e poi c’è un nuovo asfalto. Questa pista porta un grande consumo di gomme a sinistra e il nuovo asfalto può amplificare il tutto. In base alle ruote portate qui da Michelin vedremo come lavorare. Dobbiamo fare tutte le prove sui pneumatici poi il set up e i dettagli. Le gomme spesso sono risultate decisive quest’anno e stanno facendo tanta differenza”, conclude Dovizioso.

Commenti

commenti