Mondiali tennis in carrozzina

Mondiali tennis in carrozzina, Pancalli: “Un grande giorno per il movimento”

“È la prima volta che ci viene affidata l’organizzazione della World Cup Team, è un appuntamento importante per tutta la famiglia dello sport paralimpico italiano”.

L’ha detto Luca Pancalli, presidente nazionale del Comitato internazionale paralimpico, intervenendo all’inaugurazione dei Mondiali a squadre per nazioni di tennis in carrozzina ad Alghero.

“È una giornata straordinaria per la città e per tutta la Sardegna – ha affermato Pancalli – ma è un grande giorno per il movimento del tennis in carrozzina“.

Secondo il presidente, “il più bel segnale che viene dalla Riviera del corallo è la consapevolezza che il movimento paralimpico italiano sta contagiando virtuosamente il Paese e le comunità, attraverso i grandi eventi è possibile comunicare in maniera più efficace il nostro messaggio di promozione dello sport tra i ragazzi disabili di tutta Italia”.

Intanto nel Mondiali in corso di svolgimento a d Alghero l’Italia ha subito l’esperienza dell’Austria, vincente per 3-0. Ivan Tratter ha ceduto 6-4, 6-1 contro l’eterno Martin Legner, mentre Silviu Culea ha perso con un doppio 6-2 contro Nico Langmann. I quattro contendenti sono tornati in campo per il doppio, conquistato per 6-0, 6-2 dagli austriaci.

Nel girone 3 femminile, finisce l’avventura delle azzurre, sconfitte dalla Francia per 3-0. Marianna Lauro (vincente nella prima giornata) e Giulia Capocci hanno perso in tre set, rispettivamente, 6-4, 2-6, 6-3 contro Emmanuelle Morch, e 3-6, 7-5, 6-2 da Charlotte Famin. Il doppio transalpino si è imposto poi per 6-3, 6-1.

Esordio italiano sfortunato nel girone 1 dei Quad, con una sconfitta per 2-1 contro l’Olanda. La sconfitta per 7-5, 7-6(1) di Alfredo Di Cosmo contro Dorrie Timmermans-Van Hall è stata pareggiata dal successo di Alberto Corradi con un doppio 6-3 su Sam Schroder. Verdetto rimandato al doppio decisivo, con la coppia olandese che l’ha spuntata per 6-1, 1-6, 10-4 Corradi e Marco Innocenti.

Commenti

commenti