MonteAvena2017, il countdown è finito: via al Mondiale di parapendio

Si è svolta per le vie della cittadina medievale di Feltre la cerimonia di apertura che dà ufficialmente il via alla 15 edizione dei Mondiali di Parapendio, che si svolgono per la prima volta in Italia.
Un corteo di 400 persone ha invaso le vie del centro per salire nella cornice incantata di piazza Maggiore dove, secondo i dettami del cerimoniale Fai (Fédération Aéronautique Internationale) le 48 Nazionali si sono presentate al pubblico.

Una cerimonia all’insegna della contaminazione tra sport, storia e tradizione: ad accompagnale i piloti, infatti, i figuranti in costume del Palio di Feltre e gli sbandieratori e tamburini della città di Feltre che hanno condotto le squadre, divise in quattro gruppi lungo il suggestivo susseguirsi di palazzi storici di via Mezzaterra.

Migliaia le persone che si sono assiepate lungo le vie del centro storico della cittadella e in piazza Maggiore e che hanno applaudito ininterrottamente il passaggio degli atleti. Numerose anche la autorità presenti che hanno portato il solo saluto augurale alla manifestazione: per primi i sindaci dei quattro comuni parte del Comitato Organizzatore : Paolo Perenzin-Feltre, Teresa De Lazzer -Pedavena, Federico Dalla Torre-Sovramonte, Giorgio Slongo –Fonzaso. Una menzione speciale per la presenza del  Colonnello Davide Morpurgo, comandante del 51° Stormo di Istrana, la senatrice Raffaela Bellot e l’onorevole Roger De Menech e per l’intervento di Enrico Boni , vice Presidente Coni Veneto che ha espresso la speranza di poter vedere presto anche il parapendio tra le specialità olimpiche.

Dopo le presentazioni ufficiali e il saluto di rito di Stéphane Malbos, presidente della Civl (Commition Internationale de Vol Libre) che ha sancito ufficialmente l’apertura del campionato,  la serata è continuata in un clima di festa con il concerto dei Maci’s  e poi, nello stupore generale dei presenti, le facciate dei palazzi della piazza hanno accolto uno spettacolo di videoproiezioni tutto incentrato sul volo.

Fonte: Comunicato stampa

About Giovanni Sgobba

Giornalista professionista, cura “Curiosità sportive”, rubrica-memorabilia di aneddoti, storie e miti legati allo sport, riavvolgendo le lancette del tempo perché il suo cuore è ancora fermo sulla traversa dove si è stampato il rigore tirato da Di Biagio nel Mondiale del ’98.

Commenti

commenti