MonteAvena 2017: 80 piloti a meta, vince l’attuale campione del mondo Hamard

Ha toccato gran parte della vallata feltrina, con grande gioia della gente, ma ha messo a dura prova l’abilità tecnica e la resistenza dei piloti: 91 km di percorso e più di 4 ore di volo hanno permesso a dura prova anche i migliori.
Di 150 piloti infatti circa 80 sono arrivati a meta. I primi tre a concludere la manche di oggi sono stati nell’ordine Honorin Hamard (Fra), attuale campione del mondo in carica, Duan Oro (Slo) e Simon Arnold (Aut). Tra le donne il primato oggi aspetta a Seiko Fukuoka Naville (Fra), attuale campionessa del mondo, che ha scelto di difendere il titolo in solitaria, permettendo in questo mondo alla connazionale Laurie Genovese di gareggiare nella nazionale francese.

«Una task davvero lunga, che mi ha messo alla prova» ha dichiarato la Fukuoka, le fa eco Honorin: «Un percorso difficile, soprattutto per le parti sopra la pianura fino a metà della gara sembrava che gli spagnoli fossero in netto vantaggio, ma poi siamo riusciti a sfruttare bene le correnti vicino alle montagne e alla fine li abbiamo superati.”
Il primo tra gli italiano oggi è stato invece Biagio Alberto Vitale che ha tagliato la linea di goal con un ottimo piazzamento in 13 posizione.

Una manche partita dal decollo del Monte Avena con start alle 13.45, prima boa da aggirare sopra Cesiomaggiore poi via in direzione Belluno dove i piloti hanno aggirato la seconda boa a circa 6 km dal centro. Da lì aggiramento della terza boa sopra Trichiana (raggio di 12km sulla boa di Cison Di Valmarino) e poi rientro verso i costoni montuosi e aggiramento della quarta boa su Roncoi di San Gregorio Nelle Alpi (raggio di 18 km sulla boa di Agordo). Meta successiva dei piloti in direzione del Lago Di Arsiè, aggiramento della quinta boa sopra Rocca Di Arsiè procedendo poi per raggiungere e aggirare l’ultima boa di giornata sopra Feltre (raggio di 8 km sulla boa di Busche) con chiusura di gara in atterraggio al #Boscherai tra gli applausi dei molti accorsi a godersi lo spettacolo.

Una giornata importante anche per l’organizzazione questa, perché il regolamento vuole che per convalidare l’edizione di un Mondiale almeno un pilota totalizzi 1.500 punti. Il commento di Maurizio Bottegal:

Potrebbe essere considerata una formalità, ma con oggi entriamo ufficialmente negli annali dei mondiali riconosciuti. E con margine ampissimo infatti dopo questi due straordinari giorni di gara, con i punteggi totalizzati oggi, i piloti di gara che hanno raggiunto e/o superato la soglia dei 1.500 punti sono circa 120

Fonte: comunicato stampa

 

About Giovanni Sgobba

Giornalista professionista, cura “Curiosità sportive”, rubrica-memorabilia di aneddoti, storie e miti legati allo sport, riavvolgendo le lancette del tempo perché il suo cuore è ancora fermo sulla traversa dove si è stampato il rigore tirato da Di Biagio nel Mondiale del ’98.

Commenti

commenti