MonteAvena2017: terza giornata chiusa in anticipo per il maltempo

Stoppato però prima della conclusione per la formazione improvvisa di una cellula temporalesca a nord di Castel Tesino

Un percorso di gara sviluppato tra Veneto e Trentino, con partenza dal Monte Avena in direzione del Lago di Caldonazzo e rientro verso la vallata feltrina attraversando la Valsugana.
Alle 13.00 lo start e poi tutti i piloti girati verso ovest per raggiungere la prima boa in prossimità di Levico Terme. Attorno alle 13.40 un numeroso gruppo di testa è già alle porte della Valsugana pronto a incontrare la prima boa di giornata. I più veloci hanno scelto di volare a ridosso delle cime, per trovare maggiori correnti e mantenere quota.  Poco dopo le 14.00 i primi piloti superano la prima boa: davanti a tutti Simon Arnold (AUT) inseguito da un numeroso gruppo che a quel punto ha preso direzione Santa Giustina per incontrare la seconda boa.

Poi, quando il gruppo di testa si trovava sopra Castel Tesino, il Direttore di gara ha decretato lo stop. La terza manche del mondiale si è quindi interrotta alle 15.15. La formazione improvvisa di una cellula temporalesca ha infatti imposto di dare precedenza alla sicurezza. Il giudizio tecnico di Maurizio Bottegal, direttore di gara:

In questi casi i piloti hanno l’obbligo di raggiungere terra nel minor tempo possibile e in sicurezza. Nessuno ha interesse a cercare di prolungare la permanenza in aria perché comunque il conteggio dei chilometri percorsi, valido per accumulare punti, viene, in situazioni come questa, calcolato tracciando la posizione che ciascun pilota aveva cinque minuti prima dello stop

Una situazione inaspettata quella che si è verificata durante la terza manche, tanto più che la zona a nord-est di Cima D’Auda solitamente non è tra i punti sensibili che generano condizioni temporalesche. Continua Bottegal:

A volte anche solo due gradi di temperatura in più dal suolo possono generare situazioni impreviste ma al meteo non si comanda. Le interruzioni di manche possono capitare, dispiace, ma fa parte del gioco. C’è un rammarico in più perché molti dei piloti che gareggiano in questo mondiale non hanno mai volato verso ovest, verso Levico, sarebbe stato interessante portare a compimento questo percorso inedito

Pochi i piloti atterrati al Boscherai quindi, solo quelli che erano nelle posizioni più avanti verso Santa Giustiana. Per tutti gli altri si è messa in moto la macchina straordinaria dei recuperi che tutti i giorni lavora silenziosamente per riportare al campo base tutti i piloti che non riescono a completare la task e atterrano quindi lungo il percorso. Matteo Di Brina, presidente del Comitato organizzatore:

Il lavoro oggi per le squadre di recupero è stato straordinariamente più intenso ma siamo preparati e perfettamente coordinati, pronti per gestire anche queste situazioni

Unico particolare da segnalare tra i recuperi quello dello slovacco Jaroslav Janduch che, probabilmente alla ricerca di correnti ascensionali, si è ritrovato a volare troppo a ridosso di un costone montuoso restando impigliato tra le cime di un albero. Nulla di grave, solo un recupero insolito tra quelli avvenuti in giornata.

Classifica provvisoria della task, in attesa degli ultimi recuperi e degli accertamenti tecnici: per gli uomini Stefan Wyss (Sui), Idris Birch (Gbr) e Xevi Bonet Dalmau (Esp) e per le donne Seiko Fukuoka Naville (Fra), Silvia Buzzi Ferraris (Ita) e Kari Ellis (Aus)

Classifica generale provvisoria, in attesa degli ultimi recuperi e degli accertamenti tecnici:

Uomini: Pierre Remy (Fra), Honorin Hamard (Fra), Duan Oro (Slo)

Donne: Seiko Fikuoka Neville (Fra), Silvia Buzzi Ferraris (Ita), Kari Ellis (Aus)

Squadre: Francia, Slovenia, Italia

 

Fonte: comunicato stampa

About Giovanni Sgobba

Giornalista professionista, cura “Curiosità sportive”, rubrica-memorabilia di aneddoti, storie e miti legati allo sport, riavvolgendo le lancette del tempo perché il suo cuore è ancora fermo sulla traversa dove si è stampato il rigore tirato da Di Biagio nel Mondiale del ’98.

Commenti

commenti