internazionali

Internazionali d’Italia, Sorteggio spettacolo all’Arco di Costantino

La lunga attesa è finita: finalmente gli Internazionali BNL d’Italia sono sbarcati nei dintorni del Colosseo, più precisamente presso l’Arco di Costantino.

Nella splendida cornice romana, davanti ad alcune centinaia di curiosi, hanno sfilato sei giocatori. Andreas Seppi, Stan Wawrinka e Milos Raonic per il tour maschile, mentre in rappresentanza della WTA c’erano Dominika Cibulkova e le nostre Roberta Vinci e Deborah Chiesa. In prima fila, oltre al presidente FIT Angelo Binaghi, c’erano gli ambasciatori del nostro tennis, Nicola Pietrangeli (due volte vincitore a Roma) e Lea Pericoli.

Sono in attesa del loro primo avversario quasi tutti gli altri presenti alla cerimonia: Wawrinka, Raonic e Cibulkova per diritti di classifica (usufruiscono di un bye), mentre Seppi attende un giocatore proveniente dalle qualificazioni. L’unica ad avere la certezza dell’avversaria è la giovanissima Deborah Chiesa, brava a conquistarsi la wild card con la vittoria nel torneo di pre-qualificazione. La trentina se la vedrà con l’esperta Lesia Tsurenko, nostra avversaria di Fed Cup qualche anno fa e discreta terraiola.

.”Per me è un grande onore essere qui, ringrazio la FIT per avermi dato l’opportunità di lottare per la wild card. Cercherò di dare il massimo”. Il primo tabellone ad essere sorteggiato è stato il maschile, con il supervisor argentino Damian Steiner che si è sforzato di parlare in italiano, dopodiché è stato il turno del tabellone femminile, con Laura Ceccarelli a fare gli onori di casa.

“Da romana, sono particolarmente emozionata di poter svolgere il sorteggio in un luogo così importante”. Dopo una giornata di grande caldo, il tempo si è guastato proprio durante il sorteggio, ma per fortuna non si è andati oltre un abbassamento delle temperature. Dopo aver “abbracciato” Roma (ma non finisce qui, e non si parla soltanto dei campi allestiti in Piazza del Popolo…), gli Internazionali BNL d’Italia hanno definitivamente scaldato i motori.

Commenti

commenti